Tag Archives: cultura

16Nov/20

Raccontare scienza e cultura nel mondo delle nicchie di consumo.

La pandemia ha fatto emergere molti problemi e questioni legati non solo alla sfera del mondo sanitario ma anche in tutto il nostro modo di vivere. Ne esiste uno molto importante legato alla narrazione e allo storytelling della scienza e della cultura. Sicuramente non è il problema principale, ma è una questione che investe il modello di comunicazione del nostro mondo cosa che non è affatto secondaria. Sono ormai circa 25 anni che la società di massa ha accelerato la sua parabola discendente trasformandosi in una società dei frammenti e delle nicchie. Gli stessi studi sul consumi lo provano. Le grandi cerimonie dei media appartengono ad un passato recente e la pandemia sta modificando non solo la fruizione degli eventi (concerti, eventi sportivi, teatro, ecc) ma impone di ripensarli completamente. Continue reading

Share and Enjoy !

08Nov/20

Leggere il nemico o leggere è un nemico?

Un paio di giorni fa Silvia Vianello su LinkedIn faceva la proposta a chi non legge di prova a leggere 10 pagine al giorno di libri di crescita personale. Sono pubblicazioni che aiutano a crescere al livello sia umano che professionale. Alla fine in un anno sono 3650 pagine per circa 18 titoli, considerando il numero medio di lunghezza di questo tipo di pubblicazioni. Non sono affatto pochi! Eppure questo potrebbe un modo per affrontare la questione lettura in generale. Dell’Italia si dice che è un paese che legge poco. Questa è un dato abbastanza costante negli ultimi decenni. Eppure esiste una minoranza di lettori “forti” e anche “fortissimi”. L’aggettiva non qualifica quanti libri sono in grado di sollevare, o le loro qualità umane, ma il numero dei libri letti, questo al di là di che titoli si tratti, dalle Lettere di Cioran ai testi di Sferaebbasta, dall’Ulisse di Joyce a Viaggio a Medjugorie di Paolo Brosio. Continue reading

Share and Enjoy !

28Ott/20

Perché chi governa odia la cultura?

Il 30 ottobre a Roma di fronte a Montecitorio i lavoratori dello spettacolo manifesteranno viste le disposizioni che impongono la chiusura di cinema e teatri per fermare il contagio del Covid. Eppure i dati dicono che la percentuale di contagiati nei cinema e teatri è prossima allo zero. La protesta però ha radici lontane. Resta l’interrogativo sul perché negli ultimi 20 anni, proprio con il cambio del millennio, chiunque sia andato al governo di questo paese abbia un problema con la cultura e lo spettacolo. Qual è il motivo? Forse da bambini li hanno scartati ad un provino? Continue reading

Share and Enjoy !



11Set/20

DIARIO: Empatia contro l’analfabetismo emozionale (AGGIORNATO)

Di seguito una riflessione scaturita oggi dal confronto con un’amica.
“Siate sempre capaci di sentire nel più profondo qualsiasi ingiustizia, commessa contro chiunque, in qualsiasi parte del mondo. È la qualità più bella di un buon rivoluzionario.”
Ernesto Che Guevara
“Comprendere gli esseri umani è intelligenza, comprendere se stessi è saggezza.”
Lao Tse
Se due uomini a circa 2500 anni di distanza temporale per non dire di quella spaziale riuscivano a concordare su quanto l’empatia fosse non importante, ma la vera chiave dell’evoluzione umana, allora è un rischio che DOBBIAMO correre.

Continue reading

Share and Enjoy !



31Lug/20

#3Agosto Cruyff, Cavallo Pazzo ed il talento

“E dopo la cultura voi parla’ pure de Talento!?!”
Eh si. Visto che è il primo vero post agostano e che gli ultimi post di questo piccolo blog dal cervello modificato sta andando molto oltre le aspettative del suo “scalpellatore cerebrale” mi è venuto in mente un’altra cosa: e il talento? Sappiamo davvero cos’è il talento? Se ne parla sempre tantissimo, non solo per il format dei talent show, ma anche per il mondo aziendale. Siamo pieni di inviti a cliccare ed acquistare qualsiasi magico corso che posso insegnarci come sviluppare il nostro talento in una decina d’ore. Quando leggo quegli annunci mi chiedo sempre: se davvero è così facile perché chi propone quei corsi non lo usa e fa magari qualcosa di diverso? Poi se ne parla sempre come espressione legata al mondo del calcio. Il signore che vedete nella foto è Johan Cruyff, capitano della nazionale olandese ai mondiali del 1974. Considerato fra i migliori giocatori di ogni tempo. Cruyff aveva una così straordinaria che serve sempre in coppia con il talento: la visione. Continue reading

Share and Enjoy !