Tag Archives: televisione

20Lug/20

#21luglio Chiara Ferragni: Testimonial vs. Influencer

C’è stato molto rumore e trambusto, francamente anche troppo, per la visita a sorpresa di Chiara Ferragni, una delle influencer più note al mondo, non si sa perché oggi ribattezzata “imprenditrice digitale”, e la visita notturna a sorpresa dentro il Museo degli Uffizi dopo uno shooting per la rivista Vogue. C’è stato tanto rumore per le dichiarazioni del direttore del museo che l’ha accompagnato in mezzo ad una delle gallerie più famose al mondo, riaperta da poco per l’emergenza pandemia, celebrando e paragonando la bellezza della Ferragni a quella della Primavera del Botticelli. Perché tanto rumore per questa visita a sorpresa ha scatenato gli hater della rete contro la Ferragni? Continue reading
21Gen/15

#MagallialQuirinale: Perché no?

 

Magalli nello studio presidenziale

Già, perché? Perché Giancarlo Magalli noto volto televisivo non dovrebbe essere eletto Presidente della Repubblica Italiana? Ha superato i 60, quindi non è un problema di età. la sua attività televisiva l’ha portato a essere conosciuto in quasi tutte le famiglie italiane, il nucleo fondamentale della società, non solo italiana. Non ha mai fatto dichiarazioni violente, non si conoscono ombre nel suo passato, è sposato con una figlia. Non solo. Pensate che Giancarlo ha fatto il volontario per sette anni con la Polizia municipale di Roma, di cui è agente onorario, andando di pattuglia due notti a settimana – non credo abbia mai fatto una multa. Perché il sondaggio de Il Fatto Quotidiano, le famose Quirinarie, lo vede in testa? I troll? Non penso proprio. Almeno io. Continue reading

10Mag/14

Se c’è una crisi è colpa della TV. Vero Franceschini?

Sembra sempre questa nella foto l’espressione classica di Dario Franceschini, ex segretario del Partito Democratico, e ora capo del MIBAC, Ministero per i beni e le attività culturali. Ricordo che quando vidi la lista dei ministri del governo Renzi ho sentito, come punto da un’ape assassina, un pensiero in testa: Franceschini è l’uomo sbagliato al posto sbagliato. Da quando ha assunto l’incarico il massimo delle sue dichiarazioni sono state sull’importanza del ruolo, sul recupero del paesaggio e del patrimonio e poco altro. Ha rimediato ieri, mentre era in visita al Salone del Libro di Torino. Era meglio continuare nel silenzio o con le formule di rito. Continue reading