Diario Pornografico

“Lui e lei non hanno nomi. Decidono di incontrarsi, complice il Minitel, perché hanno in comune una fantasia erotica. Ma l’incontro raddoppia, si triplica. Fra i due nasce una relazione basata interamente sul sesso.” Questa è molto in sintesi la trama di Une liason pornographique, film francese di una ventina d’anni fa. Mi è venuto in mente mentre leggevo NUDA di Anna Salvaje.
Quando il film uscì in Italia fu chiamato Una Relazione Privata e non Una Relazione Pornografica, come la logica potesse supporre. Il libro di Anna, che conosco tramite i social network, non è solo la descrizione della sua vita sessuale, c’è parecchio di più. Continue reading “Diario Pornografico”

Share and Enjoy !

UPLOAD: Corpo, Coscienza, Anima e Morte oltre i Social

Neuromante

“Il tempo si muove in una direzione, i ricordi in un’altra.” Questa può sembrare una frase detta da qualche poeta del romanticismo europeo o magari un responso ottenuto interrogando l’oracolo cinese de I Ching – Il Libro dei Mutamenti. Niente di tutto questo. L’autore è William Gibson, il profeta dei cyberpunk, lo scrittore del Neuromante e di tutto il ciclo dello Sprawl. Vi sembra strano? Eppure la fantascienza, soprattutto quella degli ultimi quarant’anni, ha avuto fra i suoi campi di indagine e narrazione il tempo e l’aldilà. UPLOAD è una nuova serie sbarcata da poco su Amazon Prime e sembra essere orientata in questo senso, mescolando ai temi sci-fi, una forte componente comedy e di commedia romantica, avendo compreso la lezione che un giusto equilibrio di generi è la miglior ricetta per realizzare un prodotto con probabilità di successo. Continue reading “UPLOAD: Corpo, Coscienza, Anima e Morte oltre i Social”

Share and Enjoy !

Hunters: Come fai a non odiare i nazisti?

HUNTERS: Questione di Storia e di Storie

Nel bel thriller Yeruldelgger, Morte nella steppa, scritto dall’autore francese d’origine armena, Ian Manook (non lo conoscevo e devo ringraziare gli amici di Twitter @Superetero e @MenorraPiccicud per averlo portato alla mia attenzione),  ad un certo punto proprio il commissario Yeruldegger parlando con la sua sottoposta l’agenda Oyun, si chiede come lì in Mongolia, ci possa essere un gruppo neonazista che inneggia a Hitler, dopo i 6 milioni di morti dell’olocausto. L’agente gli dice perchè quella non è la nostra storia, non lo conosciamo, ma quei morti non valgono meno dei 40 milioni del regime staliniano e dei cento di quello di Mao, o del milione morto nel recente genocidio del Ruanda fra Hutu e Tutsi. Quanti olocausti ci sono stati? Di quanti massacri la storia è composta? Questa breve premessa mi serve per introdurre la serie di cui voglio parlarvi questa settimana, Hunters, in onda su Amazon Prime, che ha nel suo cast un big come Al Pacino nel ruolo del co-protagonista. Continue reading “Hunters: Come fai a non odiare i nazisti?”

Share and Enjoy !

La dittatura della nostalgia

Io ho paura dei nostalgici. Io ho paura di chi fa del sentimento della nostalgia un’ideologia e un programma politico.
Si tratta di una tipica evoluzione del pensiero che avviene andando avanti con gli anni, ma ora vediamo truppe di giovani pronte e armate a favore dell’ideale della nostalgia. Il grande poeta e scrittore portoghese Fernando Pessoa scrisse: Non c’è nostalgia più dolorosa di quella delle cose che non sono mai state!

Continue reading “La dittatura della nostalgia”

Share and Enjoy !

Rocco Schiavone: il giallo italiano che piace

Un impegno è un impegno. Di che grado o livello dipende dalla persona che lo prende. Con voi lettori lo avevo preso qualche settimana e per me è una questione che oscilla fra il settimo e ottavo livello. Come avrete capito oggi parliamo di Rocco Schiavone, della terza stagione, del vicequestore della polizia dall’anima e dalle radici capitoline che lavora nell’estremo nord di Aosta. Perché lo faccio? Continue reading “Rocco Schiavone: il giallo italiano che piace”

Share and Enjoy !

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: