Tag Archives: fox

10Mar/21

Che lingue parlano le serie tv?

In una settimana abbiamo archiviato Sanremo e la Festa della Donna, finalmente anche da noi chiamato con la giusta denominazione di Giornata Internazionale della Donna visto che tradizionalmente ricorda il tragico incendio alla fabbrica statunitense Triangle nel 1911 dove morirono oltre cento operaie. Una data che fu decisa dall’Internazionale socialista. Da ultime ricerche storiche sembra che in realtà la scelta della data 8 marzo ha però un’origine diversa, cioè all’8 marzo 1917 quando a San Pietroburgo ci fu una grande  manifestazione anti-zarista contro l’impegno bellico russo, evento che diede inizio alla Rivoluzione Russa e che fu guidato dalle donne del movimento operaio della capitale. Direi che sono comunque origini molto diverse dal tradizionale Pizza&Mimosa&Strip a cui la tradizione accidentale ci ha tramandato nella vulgata comune. E’ una questione di lingue e di linguaggi. E che lingue parlano oggi le serie tv? Continue reading
04Apr/20
malcom whitly

Prodigal Son: padri e figli, serial killer e profiler

Padri e Figli: un rapporto complesso da decifrare. Anche per un profiler!

mastroianni

Padri e Figli. Rapporto difficile, complesso, piene caratteristiche e dimensioni che si cambiano e si modificano a seconda dell’epoca, della latitudine e delle persone. Se pensiamo che nell’Antico Testamento in alcuni punti vi è scritti che “Le colpe dei padri non devono ricadere sui figli”, come nell’Esodo e nel Leviatano, in altri vi è invece una dichiarazione opposta, “Le colpe dei padri devono ricadere sui figli”, cito dal Deuteronomio e dal libro di Ezechiele. Già questo dà il piano di quanto la materia sia estremamente complicata e ricca di conflitti, quindi, come sempre abbiamo sottolineata qui a Percorsi Seriali, “appetitosa” per chi vuole raccontare storie. La produzione è sterminata e potremmo davvero costruire una mediateca talmente grande che non basterebbe una quarantena a finirla. Il nostro focus oggi si ferma su una serie poliziesca che tratta questo rapporto insieme ad un’altra figura sempre molto accattivante e affascinante: il profiler. Continue reading

26Mar/20

Homeland: Carrie è ancora il volto tormentato degli USA

Homeland per l’ultima stagione

Carrie Mathison

Alex Gansa ci parla della chiusura della serie

Zygmunt Bauman, il grande filosofo teorizzatore della società liquida, ha scritto: “Come porre termine, come chiudere: è su questo e non certo su come iniziare o aprire qualcosa che chi vive la vita liquida moderna ha bisogno di istruzioni”. Raccontare una fine non è mai facile, soprattutto nella contemporaneità, nell’epoca del “to be continued”, della serialità espansa. Eppure ci si arriva. Così siamo arrivati all’ottava e sembra, irrevocabilmente, ultima stagione di una delle serie che più ha appassionati il pubblico internazionale, riscrivendo nel corso degli anni alcune delle regole del dispositivo delle spy story. Parliamo di Homeland e della sua protagonista Carrie Mathison, che si contrappone in tutto e per tutto al sicuro e sempre performante britannico James Bond, mettendo in campo la sua fragilità emotiva e la sua bipolarità psichiatrica, di cui è riuscita a fare un’arma straordinaria. Continue reading

19Lug/17

Shots Fired: e se un poliziotto nero spara a un bianco?

Locandina Shots Fired

Il razzismo dell’America di oggi e i casi di brutalità della polizia contro cittadini afroamericani e non solo. È questo il tema principale della miniserie di 10 puntate realizzata dalla Fox e dal nome Shots Fired. Il prodotto, che è ispirato ai fatti di cronaca che hanno interessato gli Stati Uniti negli ultimi anni, è stato ideato da Gina Prince Bythewood e diretto da Reggie Rock Bythewood, e dal marzo scorso è stata trasmessa in America il mercoledì sera riscuotendo molti apprezzamenti dalla critica. Una serie a cui va il merito di presentare gli eventi con fatti e circostanze che non sono molto dissimili da quello che accade, ed è accaduto, nell’America attuale. Non è un caso, infatti, che la narrazione e la presentazione dei fatti sia cruda, sincera e aderente alla realtà. Continue reading

09Nov/16

Quando il documentario è fantascienza

marte

Quello in foto è il pallone che ha accolto noi di IoeOrson ieri sera a Roma alla premiere di Marte, una serie prodotta da Brian Grazer e Ron Howard, coppia forte che ha vinto l’Oscar per A Beautiful Mind. La serie andrà in onda sul canale National Geographic, che l’ha prodotta e che fa parte di Fox Network, dal 15 Novembre sulla piattaforma Sky.
Ma che cos’è Marte? La storia della conquista del pianeta rosso da parte dei terrestri, dopo l’esplorazione spaziale. Ieri abbiamo avuto la possibilità di vedere la prima puntata al cinema e devo dire che ci è piaciuta molto, anche per lo stile narrativo, mescolare il racconto di finzione insieme al documentario. Attenzione perché non è semplice docu-fiction, ma qualcosa in più.
Continue reading