Tag Archives: jazz

07Ago/21

“Se ci sono più di tre accordi, è jazz” – Conversazione con John Patitucci

Difficile davvero dire cos’è il jazz. Non è semplicemente musica come molti possono pensare. Quando senti qualcuno dice a me non piace il jazz la prima cosa che penso è “mi spiace per te”. Amare il jazz non significare ascoltare solo quello e lo dice una persona che ama da Satie ai Nine Inch Nails. Però il jazz è fatto di storie che meravigliosamente e dannatamente si annodano e si rigirano a formare sempre cose nuove. Il jazz è quantistico, fa dei salti fino a “formare” creature nuove. Ho avuto l’onore e di intervistare John Patitucci, mito del basso, uno dei più grandi di tutti i tempi. Ringrazio per questo Sergio Gimignani – che avevo intervistato qualche tempo prima – e Francesca Panebianco per tutto quello che fanno con il Peperoncino Jazz Festival.

Continue reading

27Ago/20

Ada Montellanico: una splendida signora del jazz

Io sono fortunato. So che dicendolo mi attirerò gli strali e le maledizioni di qualche invidioso e portatore di rancore, ma solo così posso definirmi nell’intervistare una delle voci più belle e suadenti del panorama jazz europeo. Ada Montellanico è qui in Calabria per partecipare ad una serata evento che si terrà nella cittadina tirrenica di Cetraro per Cetrazo Jazz, ora inserita nel circuito del “Waiting for PJF”, anteprima del Peperoncino Jazz Festival, storico festival che in nel prossimo inverno giungerà ad una diciannovesima e ricchissima edizione. Ada Montellanico si esibirà nella seconda serata del Cetraro Jazz accompagnata solamente alla chitarra da Andrea Molinari, giovane musicista ma già di gran livello, in una performance che farà evincere le grandissime capacità interpretative di questa grande signora del jazz. Una donna a cui piace molto sperimentare visto che neanche un mese fa riscuoteva un grande successo per un’altra session sperimentale al Giardino Botanico di Roma, con lo IALSAX Quartet, un quartetto di soli sassofoni che hanno un approccio quasi di musica classica rispetto al jazz. Continue reading