Fabrizio De Andrè – Principe Libero: Un principe di nome Faber

Non era facile. Cosa? Fare una miniserie su Fabrizio De André, Faber per me  e quelli che lo giudicano il migliore cantautore italiano che finora sia mai apparso nel nostro panorama. Non avrei mai creduto che avrei parlato di un altro prodotto italiano in così poco tempo dopo La Linea Verticale. Eppure è successo. Era indeciso se scriverne o meno, visto il mio grande amore per questo artista, visto che in assoluto per me Amico Fragile è la più bella canzone mai composta, insieme a qualche altra ballata del signor Ivano Fossati, genovese anche lui, proprio quella dei treni. Stavolta faccio parlare prima gli attori della storia.

Read More

Golden Globe 2018: e se poi vincesse Oprah?

elisabeth mossAnno nuovo, premio nuovo. Così potrei intotalare questo pezzo che racconta alcune parti dell’edizione 2018 dei Golden Globe, il primo premio di ogni anno dello spettacolo. Si tratta di un riconoscimento assegnato dalla stampa estera negli Stati Uniti e insieme agli Oscar e agli Emmy costituisce la triade dei premi più importanti del mondo dello spettacolo americano. Quest’anno c’è stata parecchia carne al fuoco. A cominciare dal look in total black delle donne sul palco, come protesta per la vicenda che delle molestie sessuali (molta ironia su Harvey Weinstein e Kevin Spacey), fino ad arrivare al lungo discorso di Oprah Winfrey, insignita del golden globe alla carriera, che alcuni rumours vedrebbero buona candidata contro l’attuale presidente Trump alle prossime presidenziali. Veniamo ai premi e ai premiati, che sono le cose che più mi interessano.

Read More

I Bastardi di Pizzofalcone: si deve migliorare

Cast de I Bastardi di Pizzofalcone

Ero molto incuriosito da questa nuova serie Rai, I Bastardi di Pizzofalcone, tratta dal Ciclo dei bastardi di Maurizio De Giovanni. Incuriosito e indispettito. Non mi convinceva il cas letto in anteprima, almeno non nella sua interezza, però sono riuscito a recuperarla e a guardarla, visto che Maurizio De Giovanni lo considero uno scrittore ottimo, soprattutto nel ciclo dei romanzi del Commissario Ricciardi. Alessandro Gassman è l’ispettore Lojacono, detto il Coccodrillo – anche se del suo soprannome non c’è traccia in questa prima puntata. Vediamo di capire cosa è successo.

Read More

Gomorra e Impastato

L’aspettavo. La messa in onda della seconda stagione di Gomorra era attesa, soprattutto perché i primi due episodi mandati da Sky Atlantic coincidevano con un’altra messa in onda, quella del film tv, ad opera di Raiuno, su Felicia Impastato, madre di Peppino, un grande combattente della mafia e da essa ucciso. Ho letto titoli roboanti sui giornali del tipo “Vince la tv verità“. Non è vero, anche perché ci sono molte differenze fra i due prodotti, differenze profonde. Volevo chiamare questo post in maniera diversa: Rispetto per la mafia e per gli spettatori. Alla fine ho optato per il nome dei due prodotti.

Read More

Stelle Schizofreniche

Stelle Schizofreniche

Alcuni giorni ho scritto un post sul nuovo corso dei Cinquestelle e della comunicazione di Beppe Grillo, proprio il giorno dell'attacco a Rodotà. Poi è rimasto lì. Da lì sono seguiti la rivendicazione delle commissioni di vigilanza Rai e del Copasir, il comitato di controllo dei servizi di sicurezza del nostro paese. Lo pubblico ora, perché credo che ci sia molta confusione attorno al movimento e, forse, anche al loro interno, vista anche la decisione di andare nelle trasmissioni televisive ora.

"…un ottuagenario miracolato dalla Rete, sbrinato di fresco dal mausoleo…" Si, dai Beppe, Rodotà è…ma come? Fino all'altro giorno Rodotà era il candidato presidente, il salvatore della patria, una garanzia di democrazia e ora che è successo?
E' successo che Stefano Rodotà ha detto qualcosa contro il portavoce maximo dei cinquestelle. "…Serve un cambiamento di passo. La rete da sola non basta…" Professore questo l'abbiamo detto in parecchi e capisco che lei citi Obama, uno che ha unito la presenza in rete ad una forte attività sul territorio e che oggi sta conducendo le sue uscite pubbliche in pieno stile Clinton, anzi molto meglio di lui. Basta ricordare le immagini di qualche giorno fa insieme al governatore del New Jersey, un repubblicano. Invece Grillo è in piena crisi di nervi. E non solo lui, ma anche il resto dei cinquestelle.
"Il risultato delle amministrative è bugiardo perché in realtà abbiamo vinto noi" ha sentenziato Grillo. Con una serie di dati sui voti assoluti e non sulle percentuali, mostrando come siano cresciuti quelli della sua lista. Non ha detto nulla di falso, solo che c'è una piccola dimenticanza, un'inezia, un particolare: i conti si fanno sui voti espressi dai cittadini che hanno votato! Poi quando gli dici "quanti sindaci e consiglieri avete fatto eleggere?", il Beppe storce il naso e ti scrive un post al vetriolo, come ha fatto oggi, dove se l'è presa con Rodotà, Renzi e Civati. Renzi ha detto che il m5s si spaccherà, raccomando al sindaco di Firenze di usare il gerundio presente, perché "si sta spaccando", lo dimostrano anche le accuse della capogruppo Lombardi alle ipotetiche Spie di merda– sempre delicata lei – e si vede anche da come si discuta ancora del fattore Diarie. Ha dichiarato, la Lombardi: "Il Movimento 5 Stelle è praticamente sotto “assedio” e tu, deputato che fai la spia con i giornalisti, sei una m…a, chiunque tu sia”. Chiaro sintomo di schizofrenia che attanaglia la leadership del partito, pardon movimento, come l'attacco alla Gabanelli dopo la puntata di Report che parlava degli incassi del blog.

Io non ho simpatie né per Renzi, né per Civati, ma dire che il "buonino" Pippo, non si accorge delle magagne del suo partito, francamente, è travisare la realtà.
Quando Bersani disse, in un precedente turno delle amministrative, che il Pd non aveva perso, ma aveva non vinto, frase passata alla storia, ci fu una ridda di reazioni forti, e stavolta le dichiarazioni di Grillo stanno sollevando molti malumori anche in casa cinquestelle, verso lui e il riccioluto Casaleggio. Si contesta di aver sprecato una grande occasione, il mancato accordo con chi potesse aprire strade o di governo o di influenza, verso provvedimenti più al paese. Invece no! Ora la parola d'ordine è fermare una possibile emorragia di parlamentari verso il Pd, anzi il Pdmenoelle:"Chi si e' candidato per il M5S al Parlamento e vuole un accordo con il pdmenoelle scordandosi degli impegni elettorali e della sua funzione di portavoce per realizzare il nostro programma, e' pregato – avverte – di avviarsi alla porta".

Qualcuno lo farà, ne servono un paio che inizino la transumanza, ma nessuno sa come potrebbe finire. La questione, non capita, è che ora sono in Parlamento e che le cose sono diverse. Stanno seguendo lo stesso iter della Lega Nord quando entrò nei palazzi del potere, ma così non ha senso continuare quella politica, perché manca il radicamento territoriale e la mitologia della Padania, che rilanciò il partito di Bossi. Quindi o Grillo s'inventa un sogno, tipo il grande eden pentastelluto, oppure capisce che deve fare un passo in avanti e che anche i suoi sono dentro la casta e rischiano di rimanerci intrappolati.<

PS :C'è ora chi chiede scusa sulla rete, anche quelli più seguiti, per aver dato credito a Grillo e ai suoi, mentre il vate riccioluto serra le fila e si intensificano gli interventi di Travaglio e degli altri. Non si tratta di credito, si tratta di capire come si fa a prendere sul serio chi ha sempre fatto dell'insulto un programma politico.