Tag Archives: identità

15Set/20

MARKETING: Il Brand è liquido? No, è un Organismo Vivente

“Non è il Blog, non sono i social, così come non sono le promozioni a pagamento: se vuoi che acquistino i tuoi prodotti o ti contattino per la tua professionalità devi cercare di ottenere persone che parlino bene di te.
Così iniziava una delle ultime newsletter dell’amico Skande, fra i migliori esperti del marketing oggi in Italian che commentava un fondamentale e autorevole studio di McKinsey, fra le più autorevoli società di consulenza nel mondo. Il rapporto continua affermando che la metà delle decisioni di acquisto si basa sul passaparola. E’ una novità? No. E’ la conferma quello che molti operatori del marketing e della comunicazione stanno dicendo da parecchio: la corsa al like, l’accumulo e la conta di Mi Piace, Cuoricini e di per sé abbastanza inutile. Attenzione che ho sottolineato di per sé.
Non siamo ancora al 1929 e non c’è bisogno di buttarsi da grattacieli web e social, c’è solamente da capire quello che vuole dire tutto questo. Continue reading

Share and Enjoy !

11Mag/20

Silvia Romano: il nemico arriva da Stoccolma

Il caso della liberazione di Silvia Romano e la sua conversione all’Islam ha portato nuovamente alla ribalta il termine Sindrome di Stoccolma. In realtà credo che quello di cui dovremmo seriamente preoccuparci è la Sindrome da Accerchiamento, quella del nemico in ogni angolo, di cui l’Occidente ormai sembra un malato senza possibilità di guarigione. Andiamo con ordine. Continue reading

Share and Enjoy !

11Apr/20
westworld1

WestWorld: Umani, Post-Umani, Virus e Pandemie per la serie tv cult

CORONAVIRUS VS UMANITA’

westworld1

Rotocalchi tv dalle luci diffuse come apparizioni sacre di sagre da pascuni, vip in decadenza inguainati in plastiche corporali che fanno il conto alla rovescia per cedere, aspiranti, ormai da troppo, giornalisti ed opinionisti e molti altri sedicenti famosi, vip e similari, stanno approfittando dello scenario della pandemia del Covid-19 per schierarsi in una fantomatica guerra chiamata: CORONAVIRUS VS UMANITA’! Cercano la guerra e cercano un nemico. Lo vogliono assolutamente. Non funziona. Come non funziona l’idea che la fase due sia una sorta di nuovo Bacio all’Hotel de la Ville, la foto di Robert Doisneau che diventò l’icona della fine della seconda guerra mondiale. Continue reading

Share and Enjoy !

Proust era un neuroscienziato

Nel 2007 John Lehrer diede alle stampe un saggio dal titolo intrigante e provocatorio: Proust era un neuroscienziato. L’autore è un giovane saggista statunitense, nato nel 1981, laureato alla Columbia University di New York, e scrive di psicologia e neuroscienze, occupandosi specialmente dei rapporti tra la scienza e le discipline umanistiche, una branca del sapere che ha sempre interessato anche il sottoscritto. L’autore nel libro mette in relazione le neuroscienze con l’arte e la letteratura e, in una sintesi tra cultura umanistica e cultura scientifica, analizza l’opera e le intuizioni di alcuni artisti, argomentando l’idea che la scienza non è l’unica via possibile per la conoscenza. Nel capitolo su Proust, Lehrer fa riferimento a uno studio del 2002 pubblicato da Rachel Herz, una neuropsicologa della Brown University, secondo cui il gusto e l’olfatto sono in collegamento diretto con l’ippocampo, che svolge un ruolo importante nella memorizzazione, e i due sensi hanno un ruolo importante sia nella formazione dei ricordi che nella loro evocazione. Continue reading

Share and Enjoy !