La povera piccola ghostwriter di Renzi

Sembra una cosa scritta da Andersen. Una di quelle fiabe tristi, strappalacrime e spaccacuore. Oddio poverina! Cara Andrea Marcolongo, io non ho niente contro di te, anzi, ti offro la mia solidarietà, visto che anche io, come molti altri ho vissuto una situazione di questo tipo: il lavoro non pagato. Devo ancora finire di ricevere dei soldi per un film che è passato su Raidue. Non è l’unico caso che mi riguarda, su altri c’ho fatto una croce sopra. Però questa storia e soprattutto l’attenzione che ti stanno dando finirà presto. Non è rivolta a te. Continua a leggere

Share and Enjoy !

Cosa da soap-opera. Di Letteratura

 

 

 

Questa è una storia vera, anche se sembra un romanzo, anche se al centro ci sono degli artisti, anzi dei veri e propri geni, riconosciuti da tutti. Nel tempo. La donna, anzi la ragazza, che vedete nella foto è Oona O’Neill, figlia del drammaturgo americano Eugene O’Neill, quello che scrisse Il lutto si addice ad Elettra nel 1936 e prima, nel 1920 Strano Interludio. Ha scritto tanto, ha vinto alcuni pulitzer ed è ancora l’unico drammaturgo americano ad aver vinto il Nobel nel 1936. E’ stato un pessimo padre. Ci interessa questo? Forse Continua a leggere

Share and Enjoy !