Netflix e Cannes, cinema e tv. Ha ancora senso?

Tilda Swinton - Giancarlo Esposito

Cambiano le regole d’ingaggio a Cannes. Dal 2018. Il concorso del festival della croisette sarà accessibile solamente alle opere pensate per le sala.
La polemica era scoppiata riguardo i titoli di Noah Baumbach e Bong Joon Ho, The Meyerowitz Stories con Dustin Hoffman e Adam Sandler e Okja con Tilda Swinton, due film prodotti da Netflix. Che succede?

Read More

I premi della critica americana

La La Land porta a casa il premio per miglior film e miglior regia. Mentre ottengono riconoscimenti importanti anche Natalie Portman, Casey Affleck e Viola Davis. Si sono svolti ieri notte i premi dell’edizione 2016 dei Critic’s choice awards, ovvero i riconoscimenti che vengono assegnati ogni anno dalla Broadcast Television Journalist Association. Premi che si dividono nella categoria film e serie tv e che quest’anno sono stati anticipati al mese di dicembre e hanno aperto la corsa che si chiuderà con gli Oscar di febbraio. Nella categoria cinema La La Land ha conquistato sette premi che lanciano la corsa del film, molto acclamato dalla critica, verso statuette importanti nella notte delle stelle. Va segnalata, inoltre, la parità nella categoria Sceneggiatura originale tra La La Land e Manchester by The Sea, questo a conferma anche della qualità dei film in gara.

Read More

Gli oscar non riguardano il cinema

Non so quanti di voi se lo ricordino, oppure l’abbiano mai visto, ma Lorenzo Lamas è un membro dell’Academy of Motion Picture Arts, proprio quella che decide gli Oscar, gli Academy Award appunto. Ogni anno lo spettacolo, troppo lungo e noioso, va in onda, io non faccio pace con un red carpet infinito, di cui una persona normale bene o male arriva a riconoscere il 20% delle presenze. Io quest’anno non voglio giudicare i premi, tanto non riesco mai ad andarci d’accordo, allora mi sono chiesto chi sono questi degli Academy Award? Hanno un potere grosso, un’oscar vale parecchi soldi, incassi, investimenti in marketing, pubblicità e lavori futuri. Lorenzo Lamas, che in Italia viene ricordato per una serie tv come Renegade è un membro.

Read More

Birdman: bello, ma non ci vivrei

C’è un grande assente nel nuovo film di Inarritu, Birdman, un’assenza che fa tanto rumore. Però c’è anche tanta musica. La prima nota, che suona come una sinfonia è l’interpretazione di Micheal Keaton, il migliore di tutto il cast, che lavora davvero bene in ogni interprete, da Edward Norton ad Emma Stone. La regia, con un lunghissimo piano sequenza, fatto di macchina a mano, steadycam, con cambi di inquadratura che sono un piacere per gli occhi di ogni amante del cinema che non sia solamente storia. I dialoghi e soprattutto i monologhi, ben curati, soprattutto nei dettagli. Però, questo film non è un capolavoro, anche se ve lo diranno, anche se lo leggerete, non lo è. Almeno per me. Perché il rumore lo fa l’assenza di Guillermo Arriaga.

Read More

E’ morto Francesco Rosi

rosi

 

L’ho letto un paio di minuti fa ed è una notizia terribile. Proprio in questi tempi convulsi e confusi se ne va un maestro, l’uomo che ha creato il film-inchiesta in Italia. Francesco Rosi è stato un uomo e un cineasta di grande spessore. Titoli come Le mani sulla città, Uomini contro e Il Caso Mattei sono entrati nella storia del nostro cinema a pieno titolo. Napoletano di nascita e romano d’adozione, Rosi si è spento all’età di 92 anni.

Read More