11Ott/20

La Comunicazione? Non è una questione tecnica

Il romanziere è un sonnambulo, un chiaroveggente, un visionario, un sismografo.
Questa frase è del romanziere francese Patrick Modiano, premio Nobel nel 2014. La amo molto perché dà perfettamente il senso di chi lavora con la narrazione e la comunicazione. Che tu sia un romanziere, uno sceneggiatore, un giornalista, un comunicatore, un videomaker, qualunque sia il linguaggio che tu usi, hai sempre a che fare con la narrazione del reale e del possibile. Continue reading

Share and Enjoy !

09Ott/20

“La gente vuole questo”. Non è vero.

“La gente vuole questo”, “La gente la pensa così” e cose simili. Quante volte le sentiamo e troviamo scritte queste frasi? Tante. Troppe. Soprattutto perché non sono assolutamente vere. Nell’epoca della frammentazione, dei micromercati, delle community e degli influencer vogliono far credere che esiste un pensiero unico, o almeno un pensiero di massa, capace di rappresentare “la gente”. Solo a dirlo sembra un enorme pachiderma che non riesce neanche a muoversi! Eppure viene ripetuto di continuo. Perchè? Perché è più facile! Continue reading

Share and Enjoy !

07Ott/20

“Community” è la chiave del futuro dei brand

Penso che “Customer Community” sia una delle frasi più fraintese nel linguaggio del marketing. Così iniziava uno degli ultimi post di Mark Schaefer, l’uomo della “marketing rebellion”, il guru del marketing più innovativo che ci sia in questo momento. Io spesso mi trovo d’accordo con le sue posizioni e anche stavolta è così. La creazione e la gestione di una community rappresenta la più potente fonte di emozioni e di fidelizzazione dei clienti che si possa immaginare. Troppo spesso sentiamo parlare, specialmente da chi non è del settore, di influencer, magari perché legato a questione di gossip. Eppure un influencer senza community non è nulla. Però è anche vero che quando i marketer usano questo termine, “community”, può significare qualsiasi cosa. Quindi bisogna analizzare più a fondo questo termine Continue reading

Share and Enjoy !

06Ott/20

LOSTalgia: a 16 anni dal volo Oceanic 815

Il 22 settembre del 2004 sull’ABC americana, dopo il titolo sfocato in caratteri bianchi, andava in onda il primo piano di un occhio chiuso che poi si apriva di scatto ritrovandosi in una foresta tropicale dagli alberi altissimi. Così iniziava la prima puntata di LOST, una di quelle serie tv che hanno segnato la rivoluzione della serialità televisiva e la crescita sempre più continua nel panorama dell’intrattenimento a livello planetario. Una rivoluzione che era già iniziata, ma che si andava sempre più consolidando, che portava la serialità televisiva, prima troppo spesso giudicata “di contorno” rispetto alle altre attività dell’audiovisivo. Un discorso importante e lungo che merita attenzione in altra sede ma che trova un segnale esplicativo nel passaggio dalla dicitura “telefilm” a “serie tv” o all’italica “fiction”. Continue reading

Share and Enjoy !

03Ott/20

DIARIO: Quanto vale un bambino? Oro o Chokora?

Ho visto le immagini del cimitero dei feti umani risultati dagli aborti. La trovo una pratica agghiacciante e vergognosa che non pensavo esistesse. Invece pare che abbia oltre 20 anni. Che ancora oggi, nel 2020, si debba fare una crociata sul diritto di scelta di una donna dà il senso del vuoto in cui stiano precipitando. Il poeta romantico tedesco Novalis scrisse: I bambini sono l’ORO del mondo. Vero. Però sono anche la merce più a buon mercato che si trova nel mondo. Sono CHOKORA. Il termine è africano, significa “spazzatura” ed è come gli stessi bambini chiamano loro stessi nei grandi slum di tutto il mondo.

Noi crediamo che la città nel resto del mondo sia come quello di carattere europeo, con un centro e lentamente delle zone che si sono create in maniera successiva come degli anelli. Non è così. Continue reading

Share and Enjoy !