Gianni Versace e Ryan Murphy: la serie che ha fatto infuriare la famiglia

Versace

 

Ryan Murphy e Gianni Versace: due nomi e due icone.
Uno è un giovane e geniale sceneggiatore/regista a stelle e strisce, mentre l’altro uno dei personaggi più importanti della moda e del costume del ventesimo secolo. Siamo in Calabria, proprio questa è la terra dove nacque Gianni Versace, interpretato da Edgar Ramirez, per poi conquistare Milano, gli Usa e il resto del mondo con il suo stile e la fantasia fatta di rimandi al mondo classico, il suo simbolo è la testa della medusa, intriso e mescolato con la cultura pop. Continua a leggere

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

The Apocalypse? Si, ma non sul serio

“Non c’è fede senza dubbio”, questo è il mantra di padre Jude, che lavora in Vaticano e ha le sembianze piacione di Rob Lowe. Difficile catalogarlo, classificarlo, anche raccontarlo, come tutte le migliori serie che si rispettino, ma facilissimo da guardare. Parliamo di You, me and the Apocalypse, serie nata dalla collaborazione fra gli americani di Nbc e gli inglesi di Sky1 – visto questo la speranza è che passi anche in Italia, visto che merita davvero. Merita per la trama, lo script, le battute e gli attori, compresa l’italiana Gaia Scodellaro, che insieme a padre Jude cerca per il Vaticano il nuovo messia. D’altronde sta arrivando la fine del mondo. Continua a leggere

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

London Spy: una strana storia di spie a Londra

Qualche giorno fa mi sono accorto che BBC 2 stava trasmettendo LONDON SPY, una spy story ambientata nella capitale inglese. Era domenica e io ed un altro membro dello staff di IoeOrson ci siamo messi sul letto a guardarlo. Una miniserie, cinque puntate, ci siamo detti di vederne un paio e poi basta. Naturalmente le abbiamo viste tutte. Non ci siamo stupiti. Siamo rimasti stupiti i London Spy, perché è stata una vera sorpresa, soprattutto per la totale atipicità.
Continua a leggere

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Transparent e Transgender su Sky

Esiste il gay-marketing? Certo, è una domanda futile e ha funzionato davvero bene negli ultimi anni. Era necessario, perché al di là di aver trovato nuovi consumatori per brand e prodotti ha fatto percepire la realtà degli omosessuali in maniera diversa. La vittoria referendaria sui matrimoni gay in Irlanda ne è testimonianza, quindi ha agito anche a livello politico. Oggi l’Unione Europea ha approvato a larga maggioranza un documento sulla parità di genere in cui si parla dei diritti della famiglia gay. E le serie tv? Ce ne sono state parecchie, ce ne sono e ce ne saranno, prodotte anche dai nuovi broadcaster come Amazon e Netflix. Stasera su Sky Italia arriva Transparent, che è oltre perché siamo già nel mondo transgender. Continua a leggere

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0