#29giugno Franca Valeri ed il Black Lives Matter

Ieri è uscita un’intervista ad un vero monumento vivente del cinema italiano. Aldo Cazzullo per il Corriere della Sera ha intervistato Franco Valeri, che fra un mese compirà 100 anni. Spero che sarà celebrata e ricordata questa splendida attrice, sceneggiatrice e scrittrice che oggi sta per raggiungere il secolo di vita e che ha raccontato cose importanti. Uno dei momenti più brutti della sua vita fu quando vide il padre piangere dopo che seppero che erano state promulgate nel nostro paese le leggi razziali. Già, perché ci sono state, anche se c’è qualcuno che presto dirà che in fondo non hanno ucciso nessuno o altre fandonie del genere.
Ricorda anche quando il padre e suo fratello scapparono in Svizzera con i gioielli cuciti nel cappotto, un espediente preso da La Certosa di Parma di Stendhal, che poi furono venduti per riuscire a vivere in quell’esilio forzato. Un esilio a cui sono stati costretti in molti. Racconta anche quando andò a Piazzale Loreto a vedere Mussolini ucciso. Volevo vederlo. Voleva vedere se era vero, se era davvero la fine. Continua a leggere

Share and Enjoy !

Zero Zero Zero: la droga corre come i virus

Zero, Zero, Zero: La droga è un virus, oppure il virus è una droga?

Ogni tempo, ogni luogo, ha un suo tempo ed una sua velocità. Lo stiamo imparando molto bene in questo periodo in cui il Covid-19, il coronavirus del momento che sta colpendo il mondo, e ci sta dando una nuova dimensione del tempo e dello spazio. Perchè il virus non conosce muri, né frontiere. C’è un’altra cosa che non conosce frontiere e muri: la droga. Nonostante i dati più recenti dimostrino che in Italia non esiste un’emergenza criminale – l’Istat registra oltre 500.000 crimini in meno negli ultimi cinque anni rispetto al quinquennio precedente – c’è invece un’emergenza che riguarda il consumo delle droghe sempre più alto. L’età del consumo, inoltre, si abbassa sempre di più. Recentemente mi è capitato di leggere un dossier che parla di bambini di otto anni che iniziano a sniffare colla per poi passare a cocaina e pasticche. Si, parliamo di bambini. Se vi chiedete dove trovano i soldi allora siete rimasti ad un’immagine molto vecchia della cocaina come droga dei ricchi, mentre oggi è un prodotto di basso livello sempre più economico, riempito di additivi chimici che la rendono ancora più pericolosa per i consumatori. Un’espansione che avviene in un regime di totale proibizionismo delle droghe. Questa introduzione è necessaria per parlare di Zero, Zero, Zero la serie tv in onda su Sky, una grande coproduzione internazionale, fra cui l’Italia ha un posto di primo piano, tratta dal libro-inchiesta di Roberto Saviano. Un prodotto narrativo fortemente ambizioso, che racconta una consistente parte dell’economia criminale del mondo, molto diverso da Gomorra, che nasceva anch’essa da un libro di Saviano, e da Suburra, che avevano  dimensioni più metropolitane e legata alla criminalità di un contesto geografico chiaramente più definito. Qui il campo da gioco è il mondo intero e gli steccati ed i confini sono saltati. Sono i soldi a parlare in ogni settore sociale, in ogni lingua, in ogni paese. Continua a leggere

Share and Enjoy !

The Post: attori di serie tv al cinema

Questo articolo è stato scritto prima della consegna degli Academy Award a Los Angeles. Per chi ha riconosciuto questo titolo dirò che non si è sbagliato, né che io ho deciso di cambiare la mission di questo blog, The Post è il film che racconta un pezzo di storia importante del giornalismo americano, e non solo. Diretto da Steven Spielberg, e interpretato da Meryl Streep e Tom Hanks, The Post è uno di quei titoli che ti tirano dentro quando li guardi. Si, c’è profumo di Oscar e non manca molto, neanche mentre scrivo queste righe.

Continua a leggere

Share and Enjoy !

Fargo: e in Minnesota continua a nevicare

Fargo 3

Torna Fargo per l’ultima stagione

FX  è uno di quei network che riesce sempre a fare serie ottime, alcune addirittura memorabili, come è stata SOA – Sons of Anarchy, e Fargo, ispirata ad uno dei migliori film dei fratelli Cohen. Va detto che gli stessi Cohen diedero il loro ok dopo aver visionato gli script della prima stagione e aver parlato con Noah Hawley, sugli scudi quest’anno per aver realizzato Legion. Nella foto vediamo i due protagonisti principali di questa stagione: Ewan McGregor e Mary Elizabet Winstead. A loro va aggiunta Carrie Coon, oramai una star delle serie tv grazie a The Leftovers, da poco ricominciata con la terza stagione, anche per loro la finale. Continua a leggere

Share and Enjoy !

Ghost in the shell: buon film, ma non è l’originale

Ghost in the shell

Questa immagine, realizzata dagli amici di Comingsoon restituisce abbastanza bene il dualismo di Ghost in the shell, ultimo film con Scarlett Johansson, remake del rivoluzionario anime che segnava il punto più alto della rivoluzione cyberpunk nell’immaginario. Il film è buono, però siamo lontani dal riuscire a rendere quello che è stata la portata di novità, soprattutto culturale, che ha avuto prima il manga di Masume del 1989, poi l’anime, i sequel e la serie successiva. Certo che nel film c’è il grande Takeshi Kitano.

Continua a leggere

Share and Enjoy !