Big Little Lies: la forza delle donne

Big Little Lies, cast

HBO prenota gli Emmy con Big Little Lies

Eccole qua, tutte e cinque le protagoniste dell’ultima produzione HBO: Big Little Lies.
L’espressività di Reese Witherspoon. L’emotività di Nicole Kidman. Lo sguardo intenso di Shailene Woodley. La classe e l’eleganza di Laura Dern. E poi ancora: la sensualità di Zoe Kravitz. Un cast d’attrici stellari, con una trama forte che parla di donne, abusi, violenze domestiche e soprattutto affida la regia ad un fenomeno come Jean- Marc Vallè e il risultato non può che essere superlativo.

L’ultimo episodio della serie “Big Little Lies” – You Get what you need,  è andato in onda domenica scorsa in USA. E la storia raccontata nelle sette puntate che hanno composto la miniserie si è conclusa. Regalando agli spettatori la degna conclusione di una storia intensa, potente e importante. Una grande storia di donne. Salvo ulteriori sorprese non ci sarà una seconda stagione. Avevamo già parlato di questa miniserie in un post di qualche settimana fa (http://www.simonecorami.com/biglittlelies/); la miniserie è stata tratta dal romanzo di Liane Moriarty e, adesso, possiamo trarre le dovute conclusione.
Il titolo di questa puntata è tratto dalla famosa canzone dei Rolling Stones You can’t always get what you want, perchè anche la musica ha avuto un forte peso in questa narrazione e soprattutto su certi personaggi. Ma niente è stato lasciato al caso, neanche la sigla – Cold little heart cantata da Micheal Kiwanuka – e se leggete il testo dal video qui sopra vi renderete conto che annuncia i temi della serie.

SPOILER ALERT (FORSE)

“Big Little Lies” era una degli eventi più attesi dell’anno e le aspettative non sono andate deluse. Una miniserie sulle donne che ha affrontato con coraggio e forza tanti temi molto attuali, dalla violenza alla famiglia, dai bambini al. La sceneggiatura è stata scritta da David E. Kelley e ha presentato la storia di: Madeline (Reese Witherspoon), Celeste (Nicole Kidman) e Jane (Shailene Woodley). A fare da sfondo i contrasti tra i genitori ed in particolare tra la stessa Madeline e Renata Klein (Laura Dern). Tutto accade nella ricca cittadina di Monterey in California; un un contesto in cui viene presentato il tema del bullismo, del rapporto madre – figli e soprattutto dei legami tra genitori. Ognuno delle protagoniste, però, nasconde un segreto. Vite all’apparenza perfette dietro le quali si cela insoddisfazione, incapacità di accettare i propri errori e violenza domestica. È il caso di Celeste (Nicole Kidman) un

avvocato che ha lasciato la carriera per dedicarsi alla vita con il  marito più giovane Perry (Alexander Skasgard) e ai suoi due gemelli. Dietro quella perfezione, quella felicità apparente c’è un terribile segreto: Perry picchia Celeste. Il tema della violenza domestica viene affrontato con realtà, durezza, come se i pugni allo stomaco inflitti da Perry a Celeste colpissero lo spettatore con la stessa intensità. Non è uno schiaffo, sono pugni, a volte calci. E questo è possibile grazie anche ad una Nicole Kidman davvero in stato di grazia che riesce a catalizzare la scena e le attenzioni visive.  Una Nicole Kidman così intensa non la si vedeva da tempo e il fatto che sia stata creata una serie tv di sette puntate le ha permesso di mettere fuoco tutte le sfumature del suo personaggio catalizzandosi sulla paura, il senso di insicurezza, il trauma psicologico, la difficoltà a reagire e a riprendersi in mano la propria vita. Centrali, intensi, reali i dialoghi tra la terapista e la stessa Celeste. Ed è nella puntata finale che l’ansia, la frustrazione, la paura, il pericolo aleggia per più di 50 minuti sul volto della donna.

Una miniserie che parla di violenza domestica e che, allo stesso tempo, racconta le sfumature donne. Delle loro fragilità ma anche delle loro forze. Non c’è solo Nicole Kidman a brillare ma ritroviamo anche una Reese Witherspoon che con la sua Madeline riesce a bucare lo schermo, a trasmettere quella determinazione e quella forza di cui nel lontano 1999 era stata perfetta interprete grazie al personaggio di Tracy Flick nella dark comedy Election. Madeline ha i suoi segreti, ha commesso i suoi errori e anche se il suo obiettivo è quello che tutto vada sempre liscio come l’olio deve riuscire a fermarsi e a credere che anche lei è umana. E può sbagliare. E dagli errori fatti si può ripartire. Accade questo sia nel rapporto con la figlia Abigail alla quale confesserà di aver tradito il marito Ed. È da antologia il dialogo, nella sesta puntata, tra Madeline e Abigail. Un personaggio forte quello di Madeline, potente, introverso ma allo stesso tempo veritiero, ma che vive una profonda distopia da se stessa alcune volte.

Fa piacere, inoltre, trovare Shailene Woodley in un ruolo che finalmente esalta le sue doti: Jane ha un figlio Ziggy, e proprio Ziggy è arrivato dopo uno stupro che ha subito negli anni precedenti e che non è mai riuscita a superare. Lei è la vera grande sopresa della serie, con la sua grazia aggressiva, le sue difficoltà, usando la sua rabbia per cercare di uscire da un vicolo cieco, da un labirinto, come fosse un topo da laboratorio. Davvero complimenti per la ragazza vista in Snowden e prima in Vita di una teenager americana. Ora la teenager è cresciuta.

Le varie storyline che ci hanno accompagnato nelle sette puntate vanno poi ad unirsi tutte nel grande finale, ma già dalla sigla di apertura, quella della sfilata dei bambini e dei genitori, girata con grande maestria, si intuisce che una chiusura ci sarà. Gli ultimi venti minuti della serie sono un qualcosa di perfettamente bello, elegante e denso di significato. Si vede la mano di un regista capace come Jean- Marc Vallè (già conosciuto in Dallas Buyers Club e Wild) che è stato in grado di rendere il finale perfetto. Un finale che si va a costruire attimo dopo attimo e sul volto delle protagoniste regna la paura, la consapevolezza che qualcosa di brutto stia realmente per accadere. Sono le protagoniste poi a ritrovarsi tutte assieme. A combattere unite. Per affrontare il mostro. Potente il messaggio che arriva dalla produzione: le donne se unite possono fare la differenza e possono infrangere tutte le barriere che la società loro impone. Per farlo, però, devono mettere da parte i loro egoismi, i loro pregiudizi, i dubbi e le incertezze. Fare squadra e fidarsi l’una dell’altra.

Però non si può non parlare delle altre due attrici del cast, Zoe Kravitz, figlia del cantante Lenny, giovane ma con un bel curriculum che entra nel gruppo delle donne alla fine e che è così diversa dalla Whiterspoon anche se ha sposato il suo ex marito. L’altra è Laura Dern, l’attrice preferita di David Lynch – Velluto Blu, Cuore Selvaggio, Inland Empire e il reboot di Twin Peaks. Se serve una lezione su come gestire un personaggio aggressivo, chiamate lei, che scandisce le parole, ma che ogni emozione la tira fuori sul serio.

Tutto questo per una puntata finale che viene costruita su sguardi, silenzi, gesti che valgono più di mille parole. E alla fine tutto ciò che sembrava dividere finalmente unirà. E l’ultima scena non poteva che essere il mare. L’oceano. Quel mare che rappresenta lo scorrere del tempo e della vita e che come diceva nelle puntate precedenti la stessa Madeline rispondendo alle domande della piccola Cloe che le chiedeva il perché fissasse in continuazione l’oceano diceva: “C’è qualcosa di sconfinato, là fuori..l’oceano è davvero straordinario, soprattutto è immenso. È pieno di vita e di mistero. Chissà cosa si nasconde sotto la sua superficie. Mostri, sogni, tesori sommersi. È una grande incognita”. In poche parole quella grande incognita che è la vita e che va vissuta fino in fondo.

Altro elemento di non poco conto che ha garantito il successo della serie è stata la colonna sonora che ha accompagnato la storia, come abbiamo anticipato. Una musica per donne e per uomini. Una miniserie che sicuramente è più di un semplice prodotto televisivo. E che conferma la tendenza degli ultimi mesi che vedi molti attori di Hollywood impegnati a sperimentare il piccolo schermo. Questo non può che fare bene considerato il risultato, il livello e la qualità espressa da un prodotto forte come Big Little Lies. L’ultimo (capo)lavoro HBO, possiamo dirlo già da ora, sarà sicuramente protagonista nella prossima stagione dei premi. Reese Witherspoon e Nicole Kidman potrebbero, infatti, essere nominate per i prossimi Emmy Awards nella categoria miglior attrice protagonista in una miniserie tv e nella categoria non protagonista non è da escludere la possibile presenza di Laura Dern e Shailene Woodley. Queste donne andrebbero premiate. Tutte. Così come Big Little Lies potrebbe già finire nella categoria miglior miniserie o film per la tv. In fondo who cares?

Gli applausi vanno a tutti, cast tecnico e cast artistico, perchè vedere un prodotto del genere fa pensare che la tv sia ancora un mezzo inesplorato e che possa ancora dare molto. Stamattina appena sveglio rileggevo un passo da Story di Robert McKee, una bibbia per chi fa storie visive e dice che: “La storia non è una fuga dalla realtà ma un veicolo che ci conduce nella nostra ricerca della realtà. E’ il nostro massimo sforzo per dare un significato all’anarchia dell’esistenza“.

Bruno Apicella e Simone Corami

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.