The Gifted – I nuovi mutanti oltre gli X-Men

 

La Marvel è forse oggi, e da qualche decennio, la più importante casa di creazione e produzione fumetti degli Stati Uniti, che vista la forza della distribuzione significa del mondo. Parliamo dei mutanti. Non avremo più Wolverine, ma ho molto speranze per una serie tv come Legion – ci torneremo quando inizierà la seconda stagione. I nuovi mutanti sono raccontati nella serie televisiva The Gifted, prodotti da Fox, vanno in onda sul canale televisivo omonimo della piattaforma Sky.

Read More

L’Altra Grace: Netflix vince ancora con la Atwood

La notte del 17 settembre di quest’anno è stata importante per il mondo delle serie tv, infatti è stata quella in cui sono stati consegnati gli Emmy Awards, i premi più importanti per il mondo della televisione, specialmente per la serialità. C’è un motivo per cui ricordo questo evento: il premio fu meritatamente vinto da The Handmaid’s Tale (Il racconto dell’ancella) a mio avviso davvero notevole, prodotto da Amazon, interpretata dalla bravissima Elizabeth Moss, che è stata una delle protagoniste di un’altra serie molto bella e pluripremiata come Mad Men – se le avete perse recuperatele. Però il motivo di questo preambolo è che il romanzo da cui è tratta la miniserie è stato scritto della canadese Margareth Atwood. Fra una decina di giorni questa signora della letteratura compirà 78 anni e finalmente comincia ad avere il meritato riconoscimento in tutto il mondo. Netflix ha da poco rilasciato una nuova serie tv, precisamente una miniserie, tratta da un suo romanzo di ambientazione storica: Alias Grace (L’altra Grace).

Read More

Stranger Things 2: il business della nostalgia funziona

Inizio scialbo, ma poi si riprende bene

La nostalgia è un business. Questo è un pensiero di cui dobbiamo tenere conto soprattutto se parliamo di televisione, basta guardare la televisione d’estate, fra repliche e riprogrammazioni, per capire come le novità siano sempre più scarse – magari anche per il costo dei formati e dei contenuti nuovi. Però a volte la nostalgia è fornitrice di nuovi percorsi, soprattutto se ci si sa giocare e lavorare – è la lezione del postmoderno. Netflix, il gigante della tv online, c’era riuscito già con la prima stagione di Stranger Things, che aveva visto anche il ritorno di una delle star più amate degli anni ’90, Winona Ryder, famosa per Edward Mani di forbice, Dracula di Bram Stoker. e L’Età dell’innocenza. Adesso è uscita la seconda stagione di Stanger Things con un battage pubblicitario che ha invaso non solo i piccoli schermi, ma anche la rete. L’attesa c’era. 

Read More