Avengers: Age of Ultron. Umano e Post-Umano

 

Qualche giorno ho visto l’ultimo film targato Marvel, ovvero il secondo capitolo degli Avengers, intitolato The Age of Ultron. Il film è godibile, divertente, però mette in gioco dei temi che oggi sono di tendenza, o di moda direbbero i più cinici, ma comunque cose che meritano una riflessione e anche un bella deriva. Joss Whedon dirige la vecchia squadra dei Vendicatori post-Shield – tranquilli che Nick Fury ritorna – al completo: Iron Man, Thor, Capitan America, Hulk, Hawkeye e Vedova Nera. Ci sono anche delle new entry come i due gemelli, e, soprattutto Visione, androide, anzi, Intelligenza Artificiale, creato da Ultron contro gli Avengers. E Ultron chi è?

Read More

Orson 100 e la battaglia del Rolex

Oggi Orson Welles compirebbe 100 anni. Il genio per eccellenza sia per la sua arte, le sue idee e la stazza, è celebrato in tutto il mondo – meno di quello che si dovrebbe. In Italia addirittura si parla anche di un orologio, di quel simbolo del successo, così dicono che si chiama Rolex. In un celebre film di Carol Reed dove Orson Welles dà un saggio delle sue straordinarie qualità d’attore Harry Lime, il personaggio dice:

Sai che cosa diceva quel tale? In Italia sotto i Borgia, per trent’anni, hanno avuto assassinii, guerre, terrore e massacri, ma hanno prodotto Michelangelo, Leonardo da Vinci e il Rinascimento. In Svizzera hanno avuto amore fraterno, cinquecento anni di pace e democrazia, e che cos’hanno prodotto? Gli orologi a cucù.

Read More

Expo-Noexpo: La Grande AbBuffata

Ho scelto questa come immagine, tratta dal film La Grande Abbuffata di Marco Ferreri del 1973. Non so quanti di voi l’abbiano visto, non credo molti, visto che in tv passa pochissimo, magari in qualche cineclub – ma chi li frequenta più. Eppure è di un grande regista e pieno di attori straordinari, nonostante la critica allora lo bocciò e fu tagliato dalla censura per le scene di sesso. La storia di 4 uomini che si chiudono in casa e decidono di mangiare fino a morire. Ho scelto questa immagine stimolato dal bel post del compare Giovanni Scrofani – a cui concedo anche il bold – per parlare di alcune cose viste dopo l’inizio dell’Expo milanese. Ah l’Expo!

Read More

Scrittura collettiva: passato o futuro?

Recentemente ho realizzato una lunga recensione sul nuovo libro di Lou Palanca, Ti Ho vista che ridevi, per il Quotidiano del Sud e mi sono ritrovato di fronte al fenomeno della scrittura collettiva. Se parliamo di gruppi come Wu Ming e i calabresi Lou Palanca siamo di fronte a romanzi di ottima fattura, al di là dell’argomento stesso, però bisognerà riflettere sul futuro dell'”editoria digitale”, come spesso viene indicata la scrittura collettiva. C’è chi addirittura ne ha fatto un metodo. Ma è davvero il futuro? O il passato? Banalmente direi che è il presente.

Read More